Bangkok, la più evoluta delle città del Sud Est Asiatico insieme a Singapore. Un mare di opportunità per qualsiasi gusto, per qualsiasi tasca.

Un mondo tanto diverso dal nostro ma che è in grado di coniugare gli agi occidentali con la cultura e l’arretratezza di un paese ancora in via di sviluppo.

Tutto sulla Thailandia:


Ecco a voi le 25 attrazioni da non perdere a Bangkok:

 

1. Wat Pho

  • Il Tempio principale: al suo interno si trova la statua più venerata, il Buddha seduto in posizione di meditazione, ai cui piedi sono conservate alcune ceneri di Rama I. I muri sono completamente affrescati con immagini sacre.
  • Il Buddha sdraiato: a questo Buddha è stata dedicata un’intera struttura, i piedi della statua sono in madreperla e presentano le 108 iscrizioni. Sempre all’interno della sala 108 ciotole per la raccolta delle monete da parte dei fedeli. Potete contribuire anche voi se vorrete.
  • Il Kampaengkaew: si tratta della doppia parete che circonda il tempio principale
  • Il Phrang: nei quattro angoli del cortile all’esterno del tempio principale sorgono quattro pagode di marmo bianco costruite in stile khmer.
  • Il Phra Rabieng: è un chiostro doppio che circonda il cortile del tempio principale, sul lato interno sono dislocate 150 statue di Buddha mentre su quello esterno ce ne sono 244.
  • Il Phra Maha Chedi: fuori dall’uscita nord del chiostro sorgono quattro pagode alte 42 m dedicate ai primi quattro sovrani Rama, in particolare il Chedi Si Rajakarn, dedicato a Rama I, contiene una statua di Buddha alta 16 metri al cui interno sono conservate delle reliquie di Buddha.
  • Khao Mor: nel cortile esterno Rama III fece costruire queste 24 piccole collinette e su ognuna fece piantare una diversa pianta decorativa.
  • Massaggi: il Wat Pho è famoso anche per i suoi massaggi e per la scuola di massaggi presente al suo interno, considerata una delle più importanti di tutta la Thailandia. Per appena 260 baht ( 6,3 €) potrete farvi fare un massaggio di 30 minuti. O se siete esigenti, 1 ora, 420 baht ( 10 €).

Prezzo: 100 Baht ( 2,5 €)
Orari: dalle 08.00 alle 17.00, tutti i giorni.

Come arrivare:

  • In Barca: alla fermata Tha Tien (N8) della linea dell’express boat che attraversa il Chao Phraya.
  • In taxi: da qualsiasi punto della città (attenzione al traffico).
  • In tuk tuk: evitate quelli immediatamente di fronte ai luoghi turistici e trattate il prezzo.
  • In bus: con le linee 1, 3, 25, 44, 48, 91, 503, 508 e 512 che fermano tutti nei pressi del Wat Pho.

Consiglio: Per entrare all’interno degli edifici sacri è necessario togliersi le scarpe all’ingresso. Le donne inoltre devono coprirsi le gambe se indossano una gonna. Sia uomini che donne devono avere spalle coperte. Le gonne sono disponibili gratuitamente all’ingresso di ogni tempio. Utilizzate calzature che possano essere tolti e rimessi velocemente.

 

 

2. Wat Arun

Questo imponente tempio, interamente ricoperto di mattoncini stuccati, si trova ad est del fiume Chao Phraya. Al suo centro si trova il Prang principale, costruito ai tempi del regno di Ayutthaya e innalzato successivamente da Re Rama III. Oggi svetta sulla città con i suoi 81 metri di altezza. Oltre al Prang principale sono presenti altri Prang minori, che vanno ad occupare complessivamente un’area di circa 234 metri di diametro. I suoi mattoncini stuccati gli conferiscono una bellezza unica, soprattutto all’alba e al tramonto

 

Prezzo: 50 Baht ( 1,1 €) + 4/5 baht traversata con battello del fiume Chao Phraya
Orari: dalle 08.00 alle 17.30, tutti i giorni.

Come arrivare:

  • In Barca: il traghetto che attraversa il Chao Phraya si può prendere dal molo di Tha Thien

Consiglio 1: Se arrivate al molo in tuk tuk, fate molto attenzione perché vi porteranno quasi sicuramente ad un molo da cui partono imbarcazioni private parecchio costose. Vi consigliamo di attraversare il fiume dal molo Tha Thien. La traversata ha un costo di appena 4/5 baht. Chiedete espressamente di essere portati al molo Tha Thien e assicuratevi di non pagare il biglietto più della cifra indicata sopra. Dallo stesso molo partono anche i tour per visitare i canali della città. (vedi punto 12).
Consiglio 2: se volete concedervi un tramonto speciale, vi consigliamo di recarvi all’Eagle Nest Bar, da dove è possibile godere di una bellissima vista sul Wat Arun e sul fiume.

 

 

3. Wat Phra Kaew e Palazzo Reale

Il Palazzo Reale è un complesso di edifici che si sviluppa su un’area di 218 mila metri, diviso in quattro aree:

  • Il cortile esterno a nord: un tempo area riservata alle donne. Vi risiedevano la moglie e le concubine del Re oltre alle figlie ed al personale femminile impiegato nella struttura stessa, all’epoca anche le guardie di quest’area erano donne.
  • Il cortile interno a sud: ospitava le sedi ministeriali e il corpo di Guardia Reale.
  • Il cortile centrale: con gli edifici di maggiore interesse tra cui la Sala del Trono, Phra Thi Nang Chakri Maha Prasad
  • Il Wat Phra Kaew ovvero il Tempio del Buddha di Smeraldo: un insieme di templi buddisti dove nel principale viene conservata la statua più importante per i buddisti thailandesi appunto il Buddha di Smeraldo.

Il Grand Palace o Palazzo Reale è la residenza ufficiale del Re, nonostante l’attuale Re abbia deciso di mantenere la propria residenza a Villa Amphorn Satharn. Il Grand Palace è ancora utilizzato nelle occasioni ed eventi ufficiali riguardanti la Famiglia Reale come ricevimenti di stato, matrimoni o altre cerimonie.

Prezzo: 500 Baht ( 12,6 €)
Orari: dalle 08.00 alle 15.30, tutti i giorni.

Come arrivare:

  • In taxi: da qualsiasi punto della città (attenzione al traffico).
  • In tuk tuk: evitate quelli immediatamente di fronte ai luoghi turistici e trattate il prezzo.
  • In bus: con le  linee 33, 44, 82, 123, 503 che fermano tutte a pochi metri dall’ingresso principale del palazzo.

Consiglio: A differenza degli altri templi in cui all’uomo è consentito l’ingresso anche in pantaloncini, a palazzo reale è necessario indossare pantaloni lunghi. Nel caso in cui non li abbiate, vi verranno forniti all’ingresso (appena entrati sulla destra)  senza costi aggiuntivi ma a fronte di un piccolo deposito.Alle donne invece vengono distribuite camicie a maniche lunghe.

 

4. KhaoSan Road

La via si trova nel quartiere di Banglamphu a circa 1 km dal Palazzo Reale. I backpackers che visitano Bangkok la conoscono per i costi ridotti di guest house e ostelli. (anche se non ce la sentiamo di consigliarvi di alloggiare lungo questa strada)

Merita una visita perchè lungo la via ci sono innumerevoli attrazioni: internet caffè, bar e discoteche, ristoranti, saloni di massaggi, agenzie di viaggi, librerie, bancarelle, negozi di tatuaggi e molto, molto di più.
Dalle 10 in poi vengono allestite le bancarelle del mercato dove fino a notte fonda è possibile acquistare merce di ogni tipo (non dimenticatevi di trattare il prezzo, non farlo sarebbe come offendere il mercante). Inoltre è possibile mangiare pietanze tipiche in stile “cibo di strada” e per i più temerari anche gli insetti.

Orari: tutti i giorni. L’afflusso maggiore lo trovate dall’ora di cena in poi.

Come arrivare:

  • In barca: scendendo alla fermata Phra Arthit del Chao Phraya Express Boat.
  • In taxi: da qualsiasi punto della città (attenzione al traffico).
  • In tuk tuk: evitate quelli immediatamente di fronte ai luoghi turistici e trattate il prezzo.
  • In bus: con le  linee 2, 3, 15, 47, 53, 79, 509, 511, 524 che fermano tutte nei pressi della via.

Consiglio 1: Essendo un luogo molto affollato e non sempre ben frequentato, vi consigliamo di tenere sempre stretti gli oggetti di valore che vi portate dietro.

Consiglio 2: Le condizioni igieniche di questa via non sono eccezionali e frequentemente è possibile avvistare grossi scarafaggi e grossi topi.

 

5. Patpong

Patpong è una viuzza situata su Silom Road. Insieme a Khao San Road è una delle vie più visitate durante la sera per via delle sua attrazioni. In cosa consistono? Lungo la via sono presenti numerosi Go Go Bars dove giovani ragazze si esibiscono in spettacoli spinti e originali (che parafrasando significa che delle donne nude, giocano con le proprie parti intime infilandosi oggetti come trombette e palline da ping pong, mostrando al pubblico capacità inimmaginabili). Chi non fosse interessato ai bar può comunque passeggiare nella via e fare acquisti in uno dei mercati più grandi della città, le bancarelle restano allestite fino a tardi. In questa via purtroppo abbiamo visto anche tanta prostituzione.

Orari: tutti i giorni. L’afflusso maggiore lo trovate dall’ora di cena in poi.

Come arrivare:

  • In metro: fermata Si Lom MRT subway station, Exit 2.
  • In skytrain: fermata Saladaeng BTS skytrain station (S2), Exit 1.
  • In taxi: da qualsiasi punto della città (attenzione al traffico).
  • In tuk tuk: evitate quelli immediatamente di fronte ai luoghi turistici e trattate il prezzo.
  • In bus: con le  linee 15, 76, 77, 113, 115, 162, 163, 172, 177, 504, 514, 544, 547 che fermano tutte nei pressi della via.

Consiglio 1: Essendo un luogo molto affollato e non sempre ben frequentato, vi consigliamo di tenere sempre stretti gli oggetti di valore che vi portate dietro.

Consiglio 2: Le condizioni igieniche di questa via non sono eccezionali e frequentemente è possibile avvistare grossi scarafaggi e grossi topi.

 

6. Wat Saket e Golden Mount

Il Golden Mount con i suoi 58 metri di altezza, è una delle strutture più alte di Bangkok. Ai suoi piedi si trova il Wat Saket, tempio così rinominato da Rama I. Durante la dinastia successiva, Bangkok fu colpita da una pestilenza che provocò migliaia di morti, questi furono seppelliti in una fossa comune vicino al Golden Mount, il cimitero rende la scalinata inquietante.

Quest’ultima, a forma di spirale, è composta da 318 gradini e rappresenta un viaggio attraverso la storia del paese. La torre dorata fu completata nel XIX secolo e raggiunto questo punto si può ammirare l’immensa Bangkok dall’alto.

Prezzo: 20 baht ( 0,5 €)
Orari: dalle 07.30 alle 17.30. tutti i giorni.

Come arrivare:

  • In barca: Phanfa Bridge.
  • In taxi: da qualsiasi punto della città (attenzione al traffico).
  • In tuk tuk: evitate quelli immediatamente di fronte ai luoghi turistici e trattate il prezzo.
  • In bus: con le linee  8, 15, 37, 47, 49 che fermano tutte nei pressi della collina.

Consiglio: Se avete problemi a camminare o alle ginocchia, vi sconsigliamo di venire qui, visto che dovrete affrontare una scalinata di 318 gradini (molto probabilmente sotto il sole).

 

7. China Town

Chinatown è un quartiere ricco di cultura dove è possibile trovare, incrociando templi taoisti qua e là, farmacie con prodotti tipici della cultura cinese, mercati e negozi dove acquistare qualsiasi prodotto (oro, abbigliamento, souvenir, oggetti d’antiquariato, cibo e molto altro).
Quando Re Rama I decise di far costruire il Grand Palace la zona era abitata da cinesi che furono spostati in quella che oggi è ChinaTown, che rimane una delle zone più antiche della città.

Come arrivare:

  • In barca: Rajchawongse. 
  • In metro: Hua Lamphong MRT Station.
  • In taxi: da qualsiasi punto della città (attenzione al traffico).
  • In tuk tuk: evitate quelli immediatamente di fronte ai luoghi turistici e trattate il prezzo.
  • In bus: con le linee 1, 4, 25, 40, 53, 73, 73ก, 85, 159, 507, 508, 529 che fermano tutte alla fermata Chinatown.

 

8. Giant Golden Buddha

All’interno del tempio Wat Intharawihan, si trova questa immagine di Buddha dorato alta 32 metri. Fu completato nel 1927, dopo 60 anni di costruzione. L’intera struttura è costituita da mattoni e stucco, ricoperta poi con una vernice in oro 24 carati. Niente di eccezionale ma sicuramente merita una visita veloce.

Prezzo: ingresso gratuito
Orari: dalle 08.30 alle 20.00. tutti i giorni.

Come arrivare:

  • In barca: Rama 8 Bridge.
  • In taxi: da qualsiasi punto della città (attenzione al traffico).
  • In tuk tuk: evitate quelli immediatamente di fronte ai luoghi turistici e trattate il prezzo.
  • In bus: con le linee 3, 9, 30, 32, 33, 49, 53, 65 che fermano nei pressi del tempio.

 

9. Metal Castle

Una meraviglia quasi sconosciuta di Bangkok e unico metal castle di tutta la Thailandia, il Loha Prasat (che letteralmente significa proprio monastero di metallo) è un piccolo gioiello lontano dal turismo e dal caos cittadino. Ai suoi piedi si trova il Wat Ratchanadda e una serie di altri tempi, ma l’attrazione principale è proprio questo bellissimo tempio “castello” dotato di 37 spire in metallo che simboleggiano le 37 virtù necessarie per raggiungere l’illuminazione divina.

Il metal castle è alto 32 metri e si compone di 4 livelli, compreso il piano terra. Ogni livello è dedicato ad un differente grado di meditazione. Più alto è il piano, maggiore sarà il livello di purificazione che il monaco avrà raggiunto. Fino all’ultimo piano, dove è conservata la reliquia del Buddha e da dove potrete godere di una bellissima vista sulla città.

Prezzo: ingresso gratuito, ma se volete potete lasciare 20 baht ( 0,5 €) nella cassetta delle donazioni.
Orari: dalle 09.00 alle 17.00. tutti i giorni.

Come arrivare:

  • In barca: Phanfa Bridge.
  • In taxi: da qualsiasi punto della città (attenzione al traffico).
  • In tuk tuk: evitate quelli immediatamente di fronte ai luoghi turistici e trattate il prezzo.
  • In bus: con le linee  8, 15, 37, 47, 49 che fermano tutte nei pressi del castello.

 

10. Wat Yannawa

Si tratta di un tempio a forma di nave, situato non lontano dalla casa di Mr. Kukrit e che si erge lungo la riva del fiume Chao Phraya. Wat Yannawa è molto popolare tra i cinesi, che popolano il quartiere circostante. Nella parte anteriore del complesso, c’è un piccolo santuario che ospita la statua bianca di Guanyin, la dea della misericordia. Una coppia di statue di bufali si affaccia dal santuario.

Prezzo: ingresso gratuito.
Orari: dalle 06.00 alle 20.00. tutti i giorni.

Come arrivare:

  • In barca: Sathorn pier
  • In skytrain: BTS Saphan Taksin
  • In taxi: da qualsiasi punto della città (attenzione al traffico).
  • In tuk tuk: evitate quelli immediatamente di fronte ai luoghi turistici e trattate il prezzo.
  • In bus: con le linee   che fermano tutte nei pressi.