Repubblica Popolare Cinese
Popolazione: 1.433.783.686
Capitale: Pechino
Fuso Orario: Il fuso orario della Cina è +7h rispetto all’Italia; +6h quando in Italia vige l’ora legale (ndr. da Marzo ad Ottobre).
Moneta: La moneta ufficiale è il Renminbo Cinese, abbreviato in CNY (1 EURO equivale a 7.95 CNY)
Lingua: La lingua ufficiale è il Cinese Mandarino o Cinese Standard (l'inglese purtroppo non viene parlato da quasi nessuno).
Scopri le nostre mete in Cina
Leggi tutti gli articoli relativi al paese Cina

Articoli top sul paese

Scopri le migliori offerte
per andare in Cina

Il paese delle meraviglie

La Cina, un immenso paese che occupa un territorio così vasto da attraversare 4 fusi orari (pur mantenendone solo uno). Un paese ricco di storia, con una cultura, una cucina e delle tradizioni millenarie!

Un miliardo e mezzo di persone che negli ultimi anni, nonostante un governo sotto alcuni punti di vista molto severo, sono state in grado di ribaltare l’economia mondiale, portando l’innovazione e lo sviluppo ai vertici. Città come Shanghai sono proiettate nel futuro più di quanto non sia ancora in grado di fare l’Italia.

Il mix tra tradizione e modernità fanno di questa meta un luogo ideale per una vacanza alla scoperta di grandi città, ma anche di storia e incredibili paesaggi.

Di seguito alcune informazioni che potrebbero tornarti utili prima del tuo viaggio in Cina.

Cosa sapere prima di partire:

Il visto d’ingresso

La necessità o meno del visto di ingresso in Cina varia in base a 2 fattori principali: la città in cui atteri e la durata della tua permanenza.

  1. Se atteri in una delle seguenti città potrai soggiornare in Cina per 6 giorni (144 ore), con un visto di transito gratuito:
  • Shanghai, Pechino, Tianjin, Shijiazhuang, Qinghuangdao (in Hebei) e province del Jiangsu, Zhejiang e Guangdong

  1. Se atterri in una delle seguenti città potrai soggiornare in Cina per 3 giorni (72 ore), con un visto di transito gratuito:
  • Chongqing, Canton, Chengdu, Harbin, Shenyang, Dalian, Xian, Guilin, Kunming, Wuhan, Xiamen, Nanjing, Qingdao, Changsha e Hangzhou

  1. Se la tua permanenza in Cina supera i 6 giorni o se atterri in città diverse da quelle sopra elencate, avrai bisogno di un visto da richiedere tramite i Chinese Visa Application Service Center (si trovano solo a Roma, Milano e Firenze). Per richiedere il visto bisogna compilare un modulo (anche online), fornire la documentazione necessaria (passaporto, fototessera e biglietti aerei) e prendere appuntamento in uno dei centri autorizzati al rilascio del visto con almeno 20-30 giorni di anticipo. Dalla data di emissione, il visto avrà una validità di 180 giorni, dopodiché, se non avrai fatto il tuo primo ingresso in Cina, scadrà e non potrai più usarlo.

Una volta consegnata la richiesta al centro, ti verranno prese le impronte di tutte le dita. Se la tua richiesta andrà a buon fine, ti verrà consegnato il visto dopo circa 8 giorni lavorativi (puoi andare a prenderlo di persone o fartelo spedire per posta al prezzo di 36.60€).

Di seguito i prezzi per la richiesta del visto (la durata è 30 giorni per il singolo, 3 mesi per il doppio e da 6 a 12 mesi per il multiplo):

  • Visto ad ingresso singolo, doppio o multiplo: 127.10€
  • Con procedura express (2 giorni): 184.70€
  • Con procedura express (3 giorni): 172.50€

 

 

Situazione sanitaria

Non è richiesta alcuna vaccinazione obbligatoria per chi arriva dall’Italia. Nel paese le strutture sanitarie all’avanguardia sono presenti solo nelle grandi città ma sono a pagamento per gli stranieri (l’assicurazione sanitaria è fondamentale se non vuoi rischiare di pagare fino a 500 euro al giorno di ospedale). Nelle zona rurali, la situazione sanitaria è mediocre, se non addirittura pessima. Il personale medico non è sufficientemente addestrato. Inoltre, in tutto il paese, sono rari i medici in grado di comunicare in lingue diversa dal cinese.

 

 

Quando andare?

Maggiori informazioni qui: www.climieviaggi.it

 

 

Cosa portare?

Porta sempre con te un’assicurazione sanitaria che ti copra per tutto il viaggio. Io consiglio sempre AXA, per il prezzo e perché ahimè ho dovuto utilizzarla in Thailandia e sono stati all’altezza. Ho ricevuto indietro fino all’ultimo centesimo.

 

 

Standard Elettrico

Lo standard elettrico in Cina è di 220V/50Hz.

Le prese utilizzate sono di tipo (A,G,I). E’ necessario l’adattatore per le prese italiane. In alcuni hotel si trova anche la C all’italiana.

 

A
G
I

(in Italia utilizziamo prese di tipo: C,F,L con 230V/50Hz)

 

 

Immagini:

Segui le nostre foto sui social con gli hashtag: #ilovelowcost e #ilPorcellinoinCina